Archive for aprile, 2014

bollettino n°5

Posted by on martedì, 22 aprile, 2014

ATTIVITA’ di FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

 Data di svolgimento: 22 – 23 Marzo 2014

TIPOLOGIA:  Esercitazione operativa, valutativa, non competitiva. Diurna

OBIETTIVI:   Validità del modello organizzativo per il controllo e monitoraggio del territorio montano nella provincia di Piacenza

SCOPO:           Aggiornamento e mantenimento delle capacità operative per l’orientamento e le comunicazioni a distanza utili per la raccolta e gestione delle informazioni sulla protezione e tutela dell’ambiente.

 

Comunicazione preventiva 22 febbraio 2014 Mail Claudio BIGNAMI

Approvazione C.D. 22 febbraio 2014 Mail Davide CUCCHETTI

Diffusione Soci UNUCI 22 febbraio 2014 Mail Giuseppe MASSARI

 

Ambito di riferimento e località interessate

L’area interessata ha un estensione di circa 40 Kmq.E’ costituita da un vasto anfiteatro montano dominato: a Nord da un crinale che da Est a quota 760m sale verso Ovest superando in alcuni punti i 950m e contenuto ad Est dal roccioso pendio digradante della Pietra Parcellara. L’anfiteatro e percorso da una rete di più o meno piccoli torrenti che confluiscono in due corsi d’acqua principali. Questi ultimi sfociano a Sud nel fiume Trebbia che chiude la parte meridionale dello scenario descritto.La vegetazione e tipica della macchia appenninica – sono presenti alcuni abitati rurali abitati e non collegati da strade con scarsa percorribilità. L’operazione coinvolge i territori comunali di Travo e Bobbio.

 

Condizioni meteo

Sabato 22 Coperto nuvoloso

Domenica 23 Parzialmente coperto con pioggia

LOCALITA’:    Pietra Parcellara

ALLOGGIAMENTO –VETTOVAGLIAMENTO: Attendato Area Agriturismo Madre Pietra, c/o l’omonimo agriturismo.

Stazione RADIO in WHF Mhz 144-146 Op: I Z 2 LPJ: AIRONE

Equipaggiamento Uniforme vegetata

Dotazione Tecnica Ricetrasmittente, Binocolo, Bussola e GPS

Cartografia Tavoletta IGM 1: 25.000

 

Partecipanti

 

Nominativo                    Ruolo

Unità Motorizzata

MASSARI Giuseppe     Unità Comando Mobile Chevy M 1009 4×4

PIETRA Leonardo

Esploratori

BIGNAMI Claudio

BONFANTI Walter

BOZZI Stefano

CUCCHETTI Davide

SATTA Claudio

MARCHESI Matteo

 

Breve descrizione delle operazioni

ESPLORATORI

T1 La Pattuglia ROSSO, composta da BLU e VERDE, lascia la posizione in direzione T3 (W-SW).

T2 La Pattuglia Blu si sgancia da ROSSO e dirige su T4 (S-SE).

La pattuglia VERDE mantiene la direzione T3.

T3 La pattuglia Verde devia in direzione T4 (S-SE).

T4 Rendez-vouz pattuglie BLU e VERDE.

Si ricompone la pattuglia ROSSO.

La pattuglia ROSSO dirige su T5 (N-NE).

T5 Rendez-vouz pattuglie appiedate e motorizzate. Fine delle attività.

MOTORIZZATI

La pattuglia motorizzata LUPO presidia i tratti stradali interni al teatro operativo.

In condizioni di buona visibilità verranno eseguite prove di intercettazione a distanza con esercizio di calcolo topografico.

 

 

VALUTAZIONE DEI RISULTATI: (DE-Briefing).

L’attività di pattugliamento ha avuto inizio dal punto T5 in alternativa al T1 previsto, aggiungendo circa 2 km al percorso previsto per la pattuglie ROSSO, suddivisa a partire dal punto T2 in pattuglia BLU e VERDE. L’itinerario delle “truppe” appiedate si è sviluppato su un percorso di circa 16 Km, inoltrandosi in territori ad elevato contenuto ambientale e paesaggistico. E’ stato eseguito il consueto programma addestrativo relativo al coordinamento di gruppo, basato sostanzialmente su comunica conoscenza topografica e radiocomunicazioni. Come previsto dallo schema operativo la componente motorizzata ha presidiato la rete stradale interna alla zona operativa, supportando l’operazione sia dal punto di vista delle comunicazioni radio che della logistica di supporto. La stessa unità ha provveduto al recupero delle pattuglie appiedate al punto di rendez-vouz T4, a conclusione dell’attività esplorativa.

 

bollettino n°4

Posted by on lunedì, 21 aprile, 2014

 

A PIACENZA CERIMONIA IN ONORE DEI MILITARI CADUTI PER LA PATRIA

Nella mattinata di venerdì 21 marzo è avvenuta, presso il Famedio dei Caduti in Piazza Cavalli, la cerimonia di deposizione di una corona d’alloro in onore dei militari piacentini caduti per realizzare l’Unità d’Italia e difendere la Patria. L’iniziativa è venuta dalla sezione Unuci di Piacenza e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano; con la partecipazione delle autorità religiose, della rappresentanza del corpo dei marinai e di quello dei carabinieri di Piacenza, di un gruppo di studenti del liceo Gioia e del pubblico; la piazza è stata gremita velocemente. “Gli scopi di questa manifestazione – ha spiegato Sandro Molinari, presidente di Unuci – sono diversi. Omaggiando coloro che si sono battuti per i grandi ideali della Patria si invitano tutti i membri di questa città a valorizzare il Famedio di Piacenza. Per questo, il secondo grande obiettivo di questa mattina è passare la nostra memoria alle giovani generazioni, che la storia la stanno apprendendo ora dagli insegnanti e dai libri.” A riprova di queste parole hanno parlato anche il rappresentante della fondazione Ing Francesco Scaravaggi ed il Cappellano militare, Don Bruno Crotti, che ha invitato i giovani, primi destinatari della cerimonia, a prendere posto in prima fila per assistere alla benedizione della corona d’alloro. L’intento educativo è stato sottolineato anche dalle parole del messaggio del vescovo mons. Gianni Ambrosio, che ha rilevato “l’importanza di conservare memoria imperitura dei nostri caduti per le generazioni che vivono in un contesto socio-culturale privo di riferimenti autentici.”

 

 

 

 

 

 

 

 

La cerimonia si è conclusa con l’esposizione della corona d’alloro presso il Famedio e un momento di riflessione collettiva.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Presidente Ten. Sandro Molinari Il V. Presidente / Segretario Ten. Giuseppe Massari

Piacenza , 29/03/2014

 

 

Bollettino n. 3 – 2014

Posted by on martedì, 1 aprile, 2014

Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia


NOTIZIE DALLA PRESIDENZA NAZIONALE

 Avvicendamento del Presidente Nazionale

  In data 24 marzo 2014 la Prefettura di Roma ha iscritto nel Registro delle Persone giuridiche l’Associazione “Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia” con contestuale iscrizione dello Statuto depositato presso il notaio Dott. Francesco Cerini.

In relazione a quanto sopra il Generale di Squadra Aerea Giovanni Tricomi lascia l’incarico di Presidente nazionale dell’UNUCI e invia il saluto di commiato di seguito riportato. Nella stessa data, il Gen. C.A. Rocco Panunzi subentra nell’incarico di Presidente Nazionale.

 Gen. C.A. Pietro SOLAINI              

 

ELEZIONE E NOMINA DELLE CARICHE SOCIALI

 

In ottemperanza a quanto stabilito dal Decreto del Presidente della Repubblica del 18 marzo 2013, n. 50, relativo alla privatizzazione dell’UNUCI, il Consiglio Nazionale procederà, nel corso della prossima riunione, all’elezione delle cariche di:

  • Vice Presidente Nazionale;
  • Membri del Collegio dei Sindaci (tre effettivi e un supplente);
  • Collegio dei Probiviri (tre membri).

 

Questi i requisiti richiesti per la candidatura alle cariche sopra indicate:

 Vice Presidente Nazionale

Socio ordinario di comprovata esperienza professionale con specifica conoscenza del Sodalizio, possibilmente appartenente a Forza Armata diversa da quella di provenienza del Presidente Nazionale.

È eletto con voto segreto e a maggioranza assoluta dal Consiglio Nazionale.

Consiglio dei Sindaci

Soci UNUCI in possesso di specifica professionalità e moralità. Sono eletti dal Consiglio Nazionale.

Collegio dei Probiviri

Soci UNUCI in possesso di particolare moralità e professionalità, con esperienza su questioni di carattere disciplinare e contenzioso. Sono eletti dal Consiglio Nazionale.

Candidature

I Soci in regola con l’iscrizione annuale che intendono presentare le rispettive candidature alle cariche sopra specificate, sono invitati a far pervenire alla Segreteria della Presidenza Nazionale i loro curricula entro, e non oltre, il 10 aprile 2014.

Nomina del Segretario Generale

Con l’occasione, si rende noto che nella prossima riunione il Consiglio Nazionale procederà anche alla nomina del Segretario Generale che avverrà, su proposta del Presidente Nazionale, scegliendo il candidato tra i Soci ordinari in possesso di profonda e vasta conoscenza professionale e gestionale dell’Associazione.

 

Tutti coloro che accederanno alle predette cariche, entro trenta giorni dalla elezione/nomina dovranno eleggere domicilio in Roma o provincia.

 

 

L’UNUCI da Ente di diritto pubblico

ad Associazione di diritto privato

In aderenza a quanto stabilito dal DPR n. 50/2013 (vedasi Rivista n. 5/6-2013 e sito web della Presidenza Nazionale), relativo alla privatizzazione dell’UNUCI, il Consiglio Nazionale, nella riunione svoltasi a Chianciano il 20 giugno 2013, ha preceduto all’elezione del Presidente Nazionale e dei membri del Consiglio Direttivo. In particolare, sono risultati eletti:

·  Presidente Nazionale, con 8 voti su 15, il Generale C.A. Rocco Panunzi;

·  Consiglieri Nazionali: Magg.Gen. Sergio Labonia (14 voti); Gen. C.A. Pietro Solaini (12 voti); Gen. B. Giuliano Giannone (10 voti); Gen. B. Aldo Marini (10 voti); Gen. B. Federico Sepe (9 voti).

Per quanto attiene alle restanti Cariche sociali dell’UNUCI nel suo status di Associazione di diritto privato, che dovrà prevedere le cariche di: Vice Presidente Nazionale, Segretario Generale, Collegio dei Sindaci e Collegio dei Probiviri, la Presidenza Nazionale farà conoscere con apposite comunicazioni sul sito Web tempi e procedure delle relative elezioni.

 

Regolamento di Privatizzazione dell’UNUCI (DPR 18 marzo 2013 n. 50)

  

In data 14 maggio 2013 è stato pubblicato sulla G.U. n. 111 il DPR 18 marzo 2013, n. 50 che regolamenta la privatizzazione dell’Ente pubblico non economico UNUCI.

 

 Direttiva dello SME sull’utilizzo delle Foresterie dell’Esercito

 

In data 28 ottobre 2013 lo Stato Maggiore dell’Esercito ha diramato la direttiva sull’argomento.

 

“PREVENZIONE – SICUREZZA”

Direttiva della Presidenza Nazionale 

 

Nel mese di novembre la Presidenza Nazionale ha trasmesso, ai Delegati Regionali e ai Presidenti di Sezione la direttiva “Prevenzione-Sicurezza” che incrementa e aggiorna tutte le disposizioni emanate in passato in materia di prevenzione e sicurezza del personale impegnato in attività addestrative.

 

Per approfondimenti potete interrogare il sito della presidenza nazionale sotto indicato

http://www.unuci.org/

Con vivissima cordialità.

 

 

 

 

Il Presidente Ten. Sandro Molinari            Il V. Presidente / Segretario Ten. Giuseppe Massari

 

Piacenza , 29/03/2014