Archive for febbraio, 2011

Unuci Piacenza – 17 marzo 2011 – Celebrazioni per il 150^ anniversario Unità d’Italia

Posted by on mercoledì, 16 febbraio, 2011

Carissimi Ufficiali, mai avrei pensato di dovermi occupare del 150^Anniversario dell’Unità d’Italia in questo modo  e di inviarvi questo messaggio.
Certe  notizie e certi interventi e prese di posizione negative sull’evento, ci rattristano e ci amareggiano molto:  è come mettere in discussione la nostra stessa esistenza, poiché l’Esercito Italiano è sempre stato impiegato e sacrificato per la difesa dell’Unità d’Italia.
Noi Ufficiali dell’Unuci siamo per definizione statutaria “apolitici” e lo siamo sempre stati, ma in questo caso nulla ci vieta di esprimere il nostro sconcerto per le interessate e meschine polemiche, per le notizie contradditorie e per le quotidiane incertezze decisionali sulle manifestazioni per la celebrazione del 150^ Anniversario dell’Unità d’Italia.

Monumento ai Caduti di Piazza Cavalli

Per l’Unità d’Italia tantissimi “veri” Italiani, Soldati, Sotto Ufficiali e Ufficiali, hanno sacrificato la loro vita e tanti giovani puri di cuore e d’intelletto hanno immolato la loro esistenza.
A questo punto e senza alcun intento politico o polemico, ma solo per rendere ricordo, riconoscenza ed onore a coloro che veramente hanno fatto l’Italia e per festeggiare nell’unico modo responsabile, intelligente e serio l’Anniversario, sarebbe bello che tutti gli Iscritti e i loro familiari, che possano e vogliano farlo, il giorno 17 Marzo 2011 davanti al Famedio dei Caduti per la Patria di Piazza Cavalli si fermassero per un momento di raccoglimento e di preghiera.
Spero che tanti possano celebrare in questo modo il 150^ anniversario dell’Unità d’Italia, dimostrando così chi siano e cosa valgano gli Ufficiali Unuci .

Una domenica diversa

Posted by on giovedì, 10 febbraio, 2011

Carissimi Soci
Vi trasmetto, finalmente e con grande piacere,  il resoconto e la classifica della Gara di tiro del 21 novembre 2010.
La gara era stata fatta per capire l’interesse e la risposta dei Soci all’ iniziativa, propedeutica per una eventuale ricostituzione  della Squadra di Tiro dell’Unuci Piacenza.
La giornata è stata molto piacevole e l’intendimento è quello di ripeterla.
Purtroppo per vari motivi, non ultimo uno sbaglio del direttore di gara nella definizione dei punteggi e nella confusione di alcuni nomi,  non ci ha permesso di “chiudere” la gara con l’invio della classifica della stessa e la proclamazione ufficiale dei vincitori.
Ora il nostro Vice Presidente Ten. Davide Cucchetti ha definito la graduatoria ed ha predisposto la relazione sotto riportata, alla quale ha anche aggiunto alcune sue riflessioni assolutamente personali e sicuramente motivate dal suo grande senso di appartenenza al nostro Sodalizio.
Alla prossima
UNUCI Piacenza

Una sessione di tiro della gara alla linea di tiro Pistola-aria compressa

Il Presidente Ten. Sandro Molinari

Carissimi Soci e Amici,
mi scuso personalmente per il pesante ritardo con cui viene pubblicata questa cronaca di Sezione, assumendone personalmente la responsabilità.
In un primo tempo avevo pensato di pubblicare il tutto dopo le festività natalizie, poichè i risultati definitivi della gara di tiro ci erano stati consegnati con enorme ritardo. In questo frangente però ho meditato alcuni pensieri e considerazioni che vorrei condividere con Voi, facendone oggetto di discussione, per cui ho aspettato la prima riunione del Consiglio per unire, in questo caso, il dilettevole all’utile.
Ed è seguendo questo criterio che procederò al commento de…”La gara di tiro”

Domenica 21 Novembre 2010, alle ore 09.30, presso il poligono di tiro del T.S.N. di Piacenza, ventidue persone, tra Soci e Amici, si sono dati battaglia scaricando un’autentica pioggia di piombo sui poveri bersagli che gli organizzatori hanno messo a disposizione per la gara, che si è svolta nell’area del poligono ridotto per armi (e con armi) ad aria compressa. Dopo una breve presentazione sulle finalità della gara e sulle modalità di svolgimento della medesima, finalmente è stato dato spazio al divertimento. Due le categorie di partecipanti, divise in “Pro” e “Non Pro”, stabilite in base al livello di esperienza e capacità dei partecipanti. Ad onor del vero, non c’è stato nessuno che non si sia impegnato a fondo, per non rischiare il sorrisino di compatimento riservato al brocco di turno, tanto è vero che anche i responsabili del poligono hanno constatato che la gara ha dato dei risultati, in termini di punteggio, di tutto rispetto. La parte del leone, nella categoria “Pro”, l’ha fatta Paolo Fassione, che ha totalizzato 376 punti su 500, con 10 centri pieni all’attivo. Al secondo posto un agguerrito Davide Giuliani (369 punti – 4 centri), che ha strappato l’argento al “Capocorso” Claudio Badini, 367 punti e ben 9 centri nel suo carnet. Ad un solo punto dal terzo classificato Renato Varani, anche lui con 9 centri all’attivo, seguito in chiusura dal nostro “fante/fantino” Luca Imberti a quota 343 (4 centri). Per i “Non Pro”, la cui classifica completa è allegata, stesso discorso. Ad avere la meglio, in questo caso, è stato il Socio Pietro Salice, che in una sfida a distanza all’ultimo piombino, è riuscito a battere, a parità di punteggio (353 punti), il diretto concorrente Dott. Amedeo Fantigrossi, totalizzando 4 centri contro i 3 del nostro Notaio. Al terzo posto si è inserito di prepotenza Sergio Montali, autentico “killer” del cartoncino e gradita sorpresa della tenzone, che con ben 349 punti e 7 centri all’attivo ha lasciato fuori dal giro medaglie il carissimo Amico Marco Speirani, che a parità di punteggio ha totalizzato solo 2 centri. Ottima la prova, a seguire, di Fabrizio Tummolillo, Giuseppe Farinelli, Carmelo Rogolino (il nostro vice presidente Vicario), Fausto Schenardi (la Marina nell’U.N.U.C.I.), Claudio Satta e Pierluigi Fiocchi, tutti compresi in una manciata di punti. Più staccato, ma al di sopra dei 300 punti (304 in realtà) il nostro Marco Galli e a seguire Filippo Lombardi e Giuseppe Massari. Chiudono la classifica il Vice Presidente Davide Cucchetti, il Presidente Sandro Molinari e il Socio Giovanni Lillo, che hanno fatto del motto di Pierre de Frédy, barone di Coubertin, la loro bandiera. Alla fine, dopo un’interminabile attesa (unica nota dolente della macchina organizzativa del T.S.N.), è stata proclamata la classifica (provvisoria). Per le premiazioni (che alla luce della classifica definitiva risultano radicalmente mutate), ha fatto le veci del Presidente lo scrivente Vice Davide Cucchetti, che ha distribuito le medaglie ai primi tre classificati di ogni categoria e ha consegnato a tutti i partecipanti un presente, che il nostro Socio Luca Imberti ha fatto preparare appositamente insieme alle medaglie. Non da meno sono stati i nostri gentili Ospiti, che hanno omaggiato la nostra partecipazione con il Grest del T.S.N. di Piacenza e distribuito simpatiche spille sempre con il loro simbolo impresso. A chiusura dell’evento, l’accorato appello di Fassione affinchè fiocchino le adesioni per ricostituire la vecchia Squadra di Tiro, che tanto lustro ha dato alla Nostra Sezione in anni passati. Un grazie sentito a tutti i partecipanti, che hanno affrontato con serietà ed impegno la giornata, rispondendo con entusiasmo all’appello lanciato dal Ns. Presidente per una mattinata di aggregazione alternativa. Un grazie particolare rivolgo ancora al Socio Luca Imberti, che ha speso veramente tempo ed energie (oltre al denaro) per organizzare al meglio questo “Ritorno alle Origini”.

Ed è su queste ultime righe che ho sviluppato le mie riflessioni. Sono Socio (e lo scrivo con la lettera maiuscola non solo per me, ma per tutti, Amici inclusi) da 22 anni e ho vissuto i tanti cambiamenti che ci sono stati all’interno della Sezione. Siamo passati da poche e sporadiche attività ad un primo calendario organico che comprende principalmente l’attività addestrativa, ma che lascia ampi spazi a momenti di aggregazione come quello appena narrato. Lentamente ma inesorabilmente stiamo creando interesse fra le associazioni di volontariato con cui abbiamo collaborato, grazie all’operato del nucleo “Pathfinder”; abbiamo guadagnato in visibilità grazie allo stand (ormai “ad honorem”) avuto in concessione in occasione di Militaria presso lo spazio espositivo di Piacenza Expo. Ultima, in ordine di tempo, la presentazione di un libro sull’architettura Militare fatta in uno dei salotti migliori della nostro città: l’Auditorium della Cassa di Risparmio. In mezzo a tutto questo ci sono partecipazioni a cerimonie, rappresentanze con Gruppo Bandiera, organizzazioni di mostre che hanno raccolto sempre ampi consensi. Il tutto però è stato reso possibile grazie all’impegno di un gruppo che adesso vuole rendersi conto se vale la pena di continuare per fare sempre meglio e per tutti, oppure deporre le armi perchè l’Associazione vive sull’attività e impegno di pochi.
Se esiste un senso di appartenenza, questo è il momento di dimostrarlo. Addirittura di rilanciare con altre proposte, anche da parte Vostra, quello che potremmo chiamare “l’U.N.U.C.I. che vorrei”. A disposizione per qualsiasi proposta e confronto, potrete comunicare tramite il mio indirizzo di posta elettronica scrivendo a:
davide.cucchetti@studiotoselli.it

Con viva cordialità
Davide Cucchetti

Esercitazione “Febbraio 2011”

Posted by on martedì, 8 febbraio, 2011

Carissimi Ufficiali, in attesa di definire il programma annuale delle attività di addestramento e per evitare di “arrugginirsi”,  riprendiamo l’attività con una esercitazione .

E’ una esercitazione semplice, ma che potrebbe divenire impegnativa per l’eventuale inclemenza del tempo, e che richiede pertanto una certa preparazione fisica come noterete dal piano sotto riportato.

Nel corrente anno, in primavera-estate, vorremmo però ampliare  la partecipazione dei soci alle attività addestrative, con una esercitazione aperta a tutti e non molto impegnativa.

Appena disponibile divulgheremo il programma operativo.

Nell’auspicare un anno proficuo di attività, vi saluto cordialmente.

Unuci Piacenza – Il presidente  Ten. Sandro Molinari

Esercitazione “Febbraio 2011”

Il prossimo appuntamento addestrativo è stato programmato per la data di sabato 26 e domenica 27 febbraio.

Sabato 26, i partecipanti  si incontreranno nel primo pomeriggio presso la piana ai piedi del Monte Bogo ( in prossimità dell’omonima azienda agricola) per l’allestimento del campo attendato.

L’attività si svilupperà su due sessioni distinte.

– La prima serale notturna, che  avrà inizio al termine dell’allestimento del bivacco e comunque non prima delle 17.30

– La seconda avrà inizio all’alba della domenica e si protrarrà per circa cinque ore.

L’esercizio addestrativo si baserà sulle consuete tematiche  riconducibili alle attività tecnico, tattiche e fisiche del controllo del territorio.